.

      Rifugio Rasega                                 UCCELLI

Foto e testo Copyright Franco Russano

 

 

              Aquila       Aquila Reale 

   Alcune volte alzando gli occhi al cielo possiamo scorgere la caratteristica sagoma del più grosso rapace che vive sulle alture intorno alla val di Mello; l'aquila. La coppia la si scorge volgendo lo sguardo sulla val Torrone o sul Cameraccio   è capitato che veleggiasse sulla Rasega ed in una occasione ci è capitato di vederla piombare nel bosco ad una velocità di caduta incredibile probabilmente per artigliare una preda. In Italia le aquile vivono sia sull'arco alpino che sulla dorsale appenninica.Questo uccello  il corpo di circa 80 centimetri può arrivare ad una apertura alare di m.2,20.Le ampie ali sono adatte al volo veleggiato ,e posseggono forti artigli che gli permettono sia di afferrare che uccidere la loro preda.Animale diurno possiede un forte becco con cui dilaniare le prede ; mammiferi uccelli rettili,anfibi,pesci fanno parte della sua dieta La femmina normalmente è più grossa del maschio ed ill loro piumaggio è di colore marrone con piume piu chiare sulla nuca. Protetta

           Airone Cenerino

SI ,è arrivato anche in val di Mello.Infatti Alma quando lo ha visto la prima volta non me lo ha detto credendo di avere bevuto un bicchiere di troppo!E' una coppia che risale la valle al mattino portandosi alla chiusa sotto le placche dell'Oasi dove passa la giornata a cacciare le trotellee le rane non disdicendo qualche piccola arvicola che gli capita tra le sgrinfie .Uccello non visto molto bene dai pescatori a causa della quantità di pesce che cattura giornalmente.Peso sino ai 2 kg. apertura alare sino ai 2 metri Protetto

              

Ballerina bianca

 ''Tremacua'' in dialetto (coda che trema) simpatica poco avvicinabile saltella in cerca di cibo sui sassi e le scale del rifugio.E' nostra compagna con i fringuelli nei momenti che non appare nessuno in valle.Lunga 20 cm il piumaggio è grigio sul dorso con una macchia nera sulla testa e nel sottogola ,le piume del petto e della pancia sono bianche. Il suo abitat sono gli ambienti aperti vicino a corsi di acqua dove si nutre di insetti.Caratteristica di questo uccello e di continuare a muovere la coda in maniera verticale come un tremolio.Raramente ci è capitato di vedere anche un esemplare di Ballerina Gialla Uguale in tutta ma con colorazione  sottopancia giallo. Sino ai 2400 metri si nutre di insetti Protetta

                                                                 ,                    

     
                     Cinciallegra

Si riconosce immediatamente per la sua colorazione gialla trasersata dalla striscia nera.Abita nelle zone di bosco che si aprono sulle radure si nutre in estate di insettie nelle altre stagioni di semi che raccoglie con la caratteristica di mettersi a testa in giù.Raggiunge i 2000metri 10\18 cm Protetta

 

Ciuffolotto

 Questa apparizione penso che sia assolutamente casuale  .In una primavera un piccolo gruppo di  uesti vistosi uccelletti si è posato sulla betulla  sul faggio el, abete bianco antistanti il rifugio allietandoci    per una giornata con i loro colori sgargianti e il canto flautato Fringuello tozzo dal piumaggio sgargiante rosso pastello con il dorso cenere .Si nutre di boccioli, frutti e bacche Protetto

 

                                                             
 
Cornacchia Nera

Per una decina di anni siamo stati in compagnia di una coppia di questi uccelli In quel periodo usavamo il cavallo e il mulo per il trasporto delle derrate e quando si dava da mangiare alle nostre bestie (avanzi del rifugio come polenta  ecc.) non mancavano mai. Non ci hanno mai dato confidenza ma ci si era affezionati e è stato un dispiacere quando una mattina ho rinvenuto ciò che era rimasto di uno di questi uccelli probabilmente sorpreso da una volpe.Dopo alcuni anni di avvistamenti sporadici di questi uccelli una nuova coppia si è insediata nella nostra zona.Di dimensioni grandi raggiunge i 50 centimetri ,un peso di 500/600 grammi .Manto come il massiccio becco di colore nero si distingue dal corvo per la mancanza dei ''calzoni''sulle zampe ,per le ali più ampie e per il volo (battute delle ali lente)Uccello onnivoro frequenta zone boschive alternate da radune.Monogamo

 

             Fringuello 

Abbonda  su tutto il territorio si annuncia con i suoi melodiosi canti e spesso non si fa problemi ad avvicinarsi ai tavoli dove mendica briciole dalla mensa dei turisti.Uccelletto stazionario in tutta Italia di dimensioni piccole e di delicati colori.Capo di colore ardesia petto gola di un bel rosso vinato che sfuma in color crema.Di carattere gregario si lancia in gorgheggi ripetuti .La sua alimentazione è a base di vegetali .

 

                              
Gallo forcello 

 In tutti questi anni è apparso due volte con il suo volo con forti battute di ali e lunghe planate .Stanziale su tutto l'arco alpino il fagiano di monte è riconoscibile per il suo aspetto infatti appartiene alla famiglia dei galliformi (galline).I maschi raggiungono il kg.1,5 ed il loro piumaggio è nero con collo e petto forti riflessi azzurro metallo.La femmina è riconoscibile per il piumaggio bruno e le dimensioni più piccole.Come il Cedrone ,il gallo forcello è famoso per i  violenti scontri  tra maschi che in si svolgono in  spazi aperti detti ''arene'' . Questi incontri primaverili che si svolgono alla mattina presto incoronano il maschio che si accoppierà con le femmine.

 

Gipeto

Anni addietro mentre spaccavo la legna mi capita di alzare lo sguardo e in direzione della val Torrone scorgo ..un aliante che la risale ??? Ma no è un gipeto! Rimaniamo allibiti  di fronte alla  maestà e alla grazia con quale risale la stretta valle senza battere ali sfruttando le termiche.Noi lo abbiamo avvistato solo due volte Il gipeto, in aumento dopo le reintroduzioni,,è  il piu grosso uccello dell'arco alpino.E' un avvoltoio con una apertura alare che raggiunge 290 centimetri ed un corpo di 115 cm,di colore grigio inferiormente e piu scuro sul dorso.Sfrutta le correnti mantenendosi ad alcune decine di metri di altezza per scrutare il territorio anche se puo raggiungere notevoli altezze per i lunghi spostamenti. E' un animale diurno e essendo un avvoltoio si ciba di carogne e non di animali vivi. Per questa credenza in passato è stato cacciato sino alla estinzione sull'arco alpino.Altezza sino ai 2600 metri si alimenta prevalentemente di carcasse e di ossa Uccello raro e protetto

          

                     
Gheppio 

Queste belle istantanee sono state scattate dal nostro amico Ettore che ha immortalato il gheppio sia sul suo posatoio che mentre faceva "lo Spirito santo" questo  indica la particolarità della specie che riesce a rimanere in volo ferma,sospesa nell'aria per avvistare le prede. Specie solitaria la vediamo spesso sulle cime degli alberi che scruta il suo territorio in cerca di piccoli mammiferi dei quali si nutre Si innalza sino oltre i 2000metri costruisce il nido sulle rocce  di dimensioni sino ai 35 cm.con una apertura alare di 70\80 cm.

                               
             .                                                     
                                                                           Ghiandaia

Abbastanza frequente vedere questo uccello nel bosco La si riconosce sopratutto per le bande azzurre sulle ali e i forti gridi di allarme che lancia quando ci si avvicina sfrecciando da macchia a macchia.Si nutre di tutto e purtroppo anche di uova e piccoli nidiacei di altre specie.Si spinge sino ai 2000 metri ed e un uccello di  generose dimensioni con una apertura alare che raggiunge i 50/60 cm. Protetta

 

Merlo                          

 Il merlo ,uccello che ha colonizzato tutto il territorio dell'Italia viene a farci compagnia anche al nostro rifugio sopratutto nel periodo di giugno quando il trentennale albero di ciliegie selvatiche si addobba di piccoli rossi frutti.Medio piccolo di  maschio colore nero con becco arancione femmina marrone maculata peso 60 100 grammi. si ciba di insetti frutta semi e spesso si vede scavare con il becco alla ricerca di cibo.Facilmente avvicinabile   

Poco diffuso in Valle

 

                                                                 
Merlo acquaiolo                                                      Se passeggi lungo il torrente ti  capiterà di vedere un veloce movimento a pochi centimetri sull'acqua ;il merlo acquaiolo si posa su i sassi sporgenti  compie il suo caratteristico ''inchino'''e dopo un attimo riprende il suo volo.In Italia nelle regioni montane e collinari  percorsi da torrenti.Di piccola taglia dorso nero bruno ventre bianco coda corta sempre in movimento e spesso sollevata becco nero e sottile  appuntito . Vive lungo torrenti  a corso rapido ,nuota e cammina sott'acqua alla ricerca di larve insetti e crostacei Protetto       
                 Pettirosso 

 Se cammini lungo i sentieri spesso questo uccelletto ti fa compagnia seguendoti o oltrepassandoti tenendoti curiosamente sott'occhio.Ti viene voglia di chiacchierare con lui parlando del bosco ...sembra davvero che ti ascolti.E' comune,si nutre di insetti e semi ,raggiunge i 2000 metri ed è un uccelletto protetto

.

Pernice                                                                                                                                                                      In sole due occasioni abbiamo potuto appurare la presenza di pernici  nel periodo invernale alla Rasega e tutte due per mano (denti) della volpe.Uccello che cambia livrea a secondo delle stagioni;Bianco nel periodo invernale,Primavera il maschio grigio brunastro petto nero,la femmina bruno gialla con bande nere mentre in estate si trasforma in grigioscreziato con macchia arancione sull'occhio nel maschio.Oltre i 2000 metri cm 35/40 Protetta  in alcune zone cacciabile
Picchio Muratore                                                                                 E' un piccolo uccelleto sempre in movimento corre letteralmente lungo i tronchi dei larici sempre curiosamente dall'alto verso il basso.Nominato muratore per la caratteristica di restringere i fori degli alberi con il fango per costruirsi il nido.   Si ciba di insetti e semi ,10/13 cm.il suo areale raggiunge i 1200/1300 metri     Protetto                  
Tordo Bottaccio                                                                                                                                                                              Mi è capitato raramente di vedere questo uccelletto . Devo queste foto, scattate nelle vicinanze del lago formatosi per la frana all'inizio del sentiero della valle, grazie al nostro amico Ettore attento osservatore della natura.Vive nella zona umida a ridosso delle acque calme e predilige il boschetto di larici Puo raggiungere i 1600 metri,si nutre di insetti e larve Cm20/25                                       
     
                    Verdone 

 Non capita spesso alla Rasega ma anche lui quando c'è si fa sentire e vedere scorrazzando sopratutto sull'albero di betulla al rifugio .Si nutre di semi come denota il robusto becco , Raggiunge la quota di 1600 metri( Pioda) Circa 15 cm ed è un ucclletto protetto.

 

Rondone

Alle prime avvisaglie dell'estate compare il rondone con i suoi acrobatici voli si lancia contro le rocce quasi volendosi schiantare schivandole e lanciandosi in vertiginose picchiate. Alla mattina e alla sera riempiono di festose grida il cielo della RasegaDall'africa raggiunge le nostre latitudini nei mesi di maggio ripartendo alla fine di agosto. Apertura alare che può raggiungere i 50 cm.ed una lunghezza di 15/18 cm.di colore marrone scuro caratteristiche sono le lunghe ali a mezzaluna e dalla coda biforcuta.Vive in gruppi numerosi ,si nutre di insetti che caccia con acrobatiche evoluzioni.

 
                                                   
Scricciolo

Cos'è quel movimento nel cespuglio?Qualcosa di piccolo piccolo saltella nei rovi ...lo scricciolo. Suscita tenerezzaVive e caccia insetti nei cespugli intricati .Di taglia minuscola con becco sottile appuntito e manto di colore marrone più chiaro nel sottopancia.

 

   Torna                                            Bibliografia                                                                                                                                                                                                                                                                                                   

 

 Rifugio Rasega Val di Mello Val Masino SO Valtellina        rifugio tel.0342048668       cellulare tel. 3384467550    e-mail rifugiorasega@tiscali.it   P.I. 00590880142